Il Racconto, Ammucchiate fatali

di Giovanni Renella

Si erano ritrovati così, all’improvviso, l’uno addosso all’altro, ammucchiati e nudi come quella benedetta donna li aveva fatti, costretti a subire gli effetti di un’escursione termica senza precedenti.

Ora che i loro bollori si erano raffreddati erano tutti lì, fermi, in silenzio, ad aspettare i successivi sviluppi della situazione.

Gli stróngylos pristòs vantavano antiche origini greche ed erano sbarcati in quello splendido golfo quando Napoli si chiamava ancora Partenope.

Nessuno di quelli che li aveva preceduti era sopravvissuto per poter raccontare cosa sarebbe accaduto dopo essere stati ammassati tutti insieme: motivo per cui, in proposito, erano sorte tante leggende metropolitane.

Si era parlato di deportazione in massa dei malcapitati verso destinazioni diverse o si era favoleggiato di feste pantagrueliche e libagioni senza fine; ma erano i silenzi, le parole non dette, che lasciavano presagire il più cupo dei futuri.

Mentre erano lì ad interrogarsi sul loro destino, di punto in bianco furono investiti da una colata densa, appiccicosa, che li avrebbe uniti indissolubilmente, fino alla fine dei loro giorni.

Amalgamati l’uno all’altro, ormai non riuscivano più a muoversi.

Ma il destino riservava loro altre sorprese.

Così, mentre si guardavano con reciproche occhiate ancora incredule, fermi in quella loro immobilità forzata, su di loro cominciò a piovere di tutto.

All’inizio non capirono cosa fossero quelle minuscole palline colorate che venivano giù come neve e finivano per appiccicarsi sulle loro teste; ma cominciarono seriamente a preoccuparsi quando videro cadere qualcosa di più grosso, simile a grandine.

Sopportarono stoicamente che si completasse la preparazione e, quando tutto fu pronto, dopo essere stati fritti, immersi in una cascata di miele e ricoperti di diavolilli, confettini colorati e frutta candita, gli struffoli di Natale poterono fare bella mostra di sé: giusto il tempo di qualche giorno, prima di essere mangiati.

Altri racconti di Giovanni Renella:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: