Ritorna il Maggio Giovani del Fai Giovani di Napoli

di Rosanna De Simone

NAPOLI – Una serie di visite guidate in alcuni dei luoghi che hanno avuto maggior successo durante le Giornate nazionali del FAI. La prima edizione del Maggio Giovani nel 2017 ha avuto enorme successo con le viste al M.U.S.A., il Museo Civico Filangieri e il monastero di San Nicola da Tolentino.

Anche quest’anno luogo privilegiato delle viste sarà la città di Napoli, che con le sue mille sfaccettature e la sua millenaria storia non si finirà mai di scoprire.

L’evento, che si inserisce in uno dei mesi più fortunati per la riscoperta storico ed artista del nostro territorio, è interamente organizzato e gestito dai ragazzi del FAI Giovani di Napoli.

Lo scopo non è solo quello di riaprire alcuni luoghi solitamente inaccessibili, ma soprattutto quello di perpetuare l’attività del FAI anche al di fuori delle giornate nazionali della fondazione. L’evento si rivolge soprattutto ai giovani interessati a condividere con i ragazzi del FAI la bellezza del territorio napoletano. In particolare, durante gli incontri, ai giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni è riservata l’esclusiva possibilità di iscriversi al FAI con la quota speciale di 15 euro. Di seguito il calendario:

  • 12 maggio – Crociera inferiore della Galleria Umberto I e Salone Margherita.

La storia di Napoli si nasconde sotto i piedi di centinaia di turisti che ogni giorno percorrono la Galleria Umberto. Nel 1890, durante i lavori per la Galleria, l’architetto Ernesto Di Mauro decise di ampliare il progetto e di usufruire dello spazio al di sotto del piano di calpestio. Questi nuovi ambienti dovevano costituire una seconda galleria di pari dimensioni e funzioni di quella superiore. Qui nacque, ed è oggi perfettamente conservato, il Salone Margherita. Ispirato ai cafè-chantant francesi, come il Moulin Rouge e le Folies Bergère, è stato frequentato dalla nobiltà napoletana per feste e spettacoli di cabaret. È stato sede anche il primo cinematografo di Napoli e primo salone in Italia in cui si esibirono le ballerine di can-can. Il Salone Margherita è stato il simbolo della belle époque napoletana.

Dettagli:

12/05/2018 ore 11.00, Galleria Umberto I, lato via Verdi

visite guidate a cura del FAI Giovani

visita a contributo libero e prenotazione sul sito: https://goo.gl/p7HiYC

  • 19 maggioSMMAVE – Centro per l’Arte Contemporanea Santa Maria della Misericordia ai Vergini.

La chiesa della Misericordiella è situata all’ingresso del Borgo dei Vergini, dal lato sud del quartiere, in corrispondenza dell’incrocio tra via Foria e via Duomo, all’altezza di Porta San Gennaro. È parte di un più ampio complesso che comprende l’ex-ospedale e l’oratorio di Santa Maria della Misericordia, gestito dall’Arciconfraternita omonima che ne è proprietaria. Al di sotto della chiesa è presente un ambiente ipogeo di pari dimensioni, dall’impianto decorativo settecentesco e con funzione di terrasanta. All’interno ha sede l’associazione culturale, SMMAVE – Centro per l’Arte Contemporanea che sta portando avanti la pulizia, il recupero e la valorizzazione di questo bene per farne un luogo di ricerca, didattica e produzione artistica. Il presidente di SMMAVE è Christian Leperino, artista.

Dettagli:

19/05/2018 ore 10.00, via Fuori Porta San Gennaro, 15

visite a cura dell’associazione SMMAVE

visita a contributo di partecipazione di 3 euro e prenotazione sul sito: https://goo.gl/jVMBrY

  • 26 maggio – Parco letterario dell’Isola di Nisida.

Secondo alcuni studiosi Nisida sarebbe Nesis, l’isola di Polifemo cantata da Omero. Il suo nome in greco significa appunto piccola isola, ed era un luogo strategico per la difesa della città. Tanti sono i libri dedicati alla piccola isola flegrea di origine vulcanica. La professoressa Maria Franco ha realizzato il progetto Nisida parco letterario per i ragazzi dell’ Istituto Penale Minorile allo scopo di far riscoprire loro la letteratura. Il percorso nato in seno al progetto,  guidato dai giovani ospiti di Nisida, permette di osservare le bellezze naturali dell’isola attraverso grandi scrittori come Omero, Boccaccio, Plinio ecc. L’isola è come un piccolo paradiso incontaminato. Le bellezze naturali, tipiche del Mediterraneo, si arricchiscono sotto le luci del Sole che tramonta nel mare azzurro di Napoli.

Dettagli:

26/05/2018 ore 17.30, via Nisida

visita a contributo libero e prenotazione sul sito: https://goo.gl/D1qTn6

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *