Salvaguardia del comparto agricolo e tutela degli esercenti

PORTICI (NAPOLI) – È stata raggiunta venerdì 5 dicembre la mediazione tra le parti riguardo il Mercatino biologico: riunite al tavolo di confronto voluto dal sindaco Nicola  Marrone.

Quasi due ore di discussione tra i rappresentanti di categoria del commercio, degli artigiani e dei produttori agricoli, per trovare l’intesa sulla riconduzione del tradizionale mercatino della terza domenica del mese al Viale Leonardo da Vinci.

Presenti all’incontro anche l’Assessore all’Ambiente Natale Barile e quello alle Attività Produttive Adele Stefania Scarano.

Si riparte con l’istituzione di una commissione di garanzia, proposta dal sindaco, per assicurare il rispetto del regolamento che disciplina la partecipazione al mercatino domenicale, organizzato una volta al mese, e che negli anni ha dato vita a momenti di frizione tra gli organizzatori e gli esercenti che invece lamentano la vendita indifferenziata di prodotti.

Infatti, proprio il non rispetto del regolamento aveva spinto nei giorni scorsi il sindaco Marrone ad assumere la decisione di spostare il tutto al Corso Umberto I nel mese di dicembre,  momento dell’anno  decisivo per il comparto del commercio.

Dunque il sindaco è riuscito nel suo intento di far dialogare i rappresentanti dei diversi settori da anni in contrasto fra di loro e giungere ad una mediazione che fino ad oggi sembrava difficile da ottenere.

Accolta anche la richiesta dei commercianti di allestire gli stand rivolgendoli verso i negozi per garantire massima visibilità alle vetrine.

I presenti all’incontro hanno siglato un verbale, frutto dell’intesa, che si prefigge anche di avviare un lavoro comune per il rilancio strutturale dell’intera categoria del commercio cittadino che negli ultimi anni ha subito come ovunque i riflessi della crisi economica.

Tra le proposte emerse durante l’incontro anche la necessità di estendere l’isola pedonale che ospita il mercatino lungo tutto il Viale Leonardo da Vinci, ottenendo così effetti positivi anche sull’Ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *