Salviamo la Fontana di Monteoliveto

NAPOLI – La bellissima Fontana di Monteoliveto da anni viene usata dagli incivili come discarica, nonostante  i lavori di restauro del 2013. Fa male al cuore vederla ridotta così.

Voluta dal viceré don Pietro Antonio d’Aragona, la fontana risale al  ‘600, e si trova nell’omonima piazza.  Si presenta con una vasca tre bracci. Al centro si erge il piedistallo della statua di Carlo II di Spagna, realizzata su disegno di Cosimo Fanzago. Tre leoni che reggono gli stemmi del re, del viceré e della città, alternati ad aquile, e sostenuto da tre conchiglie.

Visti i continui atti di vandalismo e l’indifferenza delle istituzioni è dunque interessante la proposta avanzata da Massimiliano Rosati, responsabile del Gran Caffè Gambrinus: i proprietari sono disposti ad averne cura, se verrà spostata in piazza del Plebiscito.

Così Rosati: «Siamo pronti ad adottare la fontana di Monteoliveto e ad assumerci tutti gli oneri di manutenzione e di pulizia; per fare questo chiediamo che venga spostata a piazza del Plebiscito in modo da poterla vigilare costantemente».

La proposta ha trovato il favore del consigliere regionale dei verdi, Francesco Emilio Borrelli: «Il coinvolgimento dei privati nella tutela del patrimonio artistico e ambientale è l’unica via da percorrere per difendere i nostri tesori, considerando che le casse dei comuni italiani sono sempre più vuote e i costi manutentivi aumentano costantemente. La proposta del Gambrinus di adottare la fontana di Monteoliveto e di spostarla in piazza del Plebiscito, coniugherebbe efficacia in termini di controllo e restituzione della dignità ad una delle opere più caratteristiche della città».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *