San Ciro torna a percorrere le sue strade

PORTICI (NA) – Il santo Patrono Ciro nacque ad Alessandria d’Egitto all’incirca nel 250 d.C. Medico, curò non solo i corpi ma anche le anime. Martire, fu condannato a morte per decapitazione il 31 gennaio del 303 d.C.

Portici cominciò ad onorare il Santo Martire e Medico dalla fine del ‘600.

Nel 1764 i cittadini dell’Università di Portici commissionarono una statua del Santo allo scultore napoletano Ferdinando Sperandeo.

Nel 1770 alcune reliquie del Santo vennero  traslate  a Portici, dove vengono conservate in una teca ai piedi della statua lignea, nella cappella detta di “San Ciro” che si trova a sinistra dell’altare.

Nel 1776 Papa Pio VI proclamò ufficialmente San Ciro Patrono principale e tutelare della città di Portici.

San Ciro viene celebrato il 31 gennaio, mentre una seconsa festività a seconda festività cade la prima domenica di maggio.

Sono molte le località che onorano San Ciro, ma pochi sanno che c’è anche una piccola comunità negli Stati Uniti che riconosce nel Santo il proprio Patrono.

Quest’anno domenica 6 maggio, San Ciro torna tradizionalmente a percorrere le “sue” strade, un dei pochissimi cortei sacri che si snodano in un percorso urbano ancora rimasti. Dopo l’apertura del Santuario ed esposizione del simulacro di San Ciro la solenne Celebrazione Eucaristivca presieduta dal parroco don Raffele Galdiero, la processione parte per il percorso che dalla piazza si porta a via Libertà, via Verdi, piazza Poli, via diaz, viale Leonardo da Vinci, viale Michelangelo,piazzale Brunelleschi,via Palizzi, via Immacolata e fino a Largo Croce, concludendo la prima parte della processione nel Santuario.

Il sacro corteo riprende alle 17, imboccando via Bellucci Sessa, via Della Torre,  corso Garibaldi, via Naldi, via Arlotta, via Marconi, via Diaz, viale Leone, via San Cristofaro. parrocchia dell’Immacolata ai ferrovieri, largo Arso, via Croce, chiesa del Redentore, via Martiri di via Fani e quindi imbocca corso Garibaldi fino a piazza San Ciro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *