September more di Estate Bambina

NAPOLI – Tantissimi gli eventi proposti dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo comunale, guidato da Nino Daniele a settembre per ampliare e qualificare l’offerta culturale cittadina e garantire un variegato intrattenimento ai turisti che stabilmente, ormai, affollano Napoli cancellando l’estate dai periodi di bassa stagione degli operatori del settore. Una città “aperta per ferie” ad agosto che alla ripresa settembrina non smette di stupire ed emozionare.

Un gran finale di Estate a Napoli 2018: ecco il programma.

Torna per Piedigrotta la Notte della Tammorra

Sabato 8 Settembre

  • ore 18.30 sfilata gruppi tradizionali di musicanti e danzatori in costume
  • ore 21 – piazza del Plebiscito – Concerto

Innanzi tutto la Piedigrotta, che vedràcome sempre la città illuminata a festa dai tradizionali addobbi luminosi e, accanto alla cerimonie religiose, occasioni di divertimento.                   Già prevista per la sera di Ferragosto, la Notte della Tammorra, l’ormai tradizionale baccanale estivo a cura di Carlo Faiello, fu rinviata in segno di lutto e di solidarietà nei giorni della tragedia di Genova, ritorna adesso, in piazza del Plebiscito in tempo di Piedigrotta con un programma travolgente di musiche, canti e balli tradizionali e con un parterre nutritissimo di artisti.

Dalle 18 gruppi di ballerini e musicanti in abito tradizionale che percorreranno le strade per chiamare tutti alla grande festa della musica, che incomincerà alle 21 in piazza del Plebiscito.

Oltre al Carlo Faiello Ensemble, ci sarà partecipazione di numerosi gruppi ed artisti: dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, ad Ambrogio Sparagna, Marcello Colasurdo, Antonella D’Agostino, Antonella Morea, Patrizia Spinosi, i canti a distesa di Antonio Esposito detto Tonino ’O Stocco, Biagino Di Prisco e tanti altri.

Accanto alla musica, grande protagonista della serata, ci saranno mostre ed esposizioni dedicate al tema della musica e tradizione popolare, un piccolo villaggio folk-espositivo per festeggiare al meglio una delle tradizioni piu’ belle del Sud.

La Festa di San Gennaro

Si concentrano tradizionalmente a settembre alcune delle più antiche e sentite feste popolari e religiose di Napoli. Oltre alla Piedigrotta, la Festa di San Gennaro, che vedrà come sempre le occasioni di incontro concentrate in via Duomo e nel centro antico della città. Il 24 settembre si terrà la VI edizione del San Gennaro Day, con numerosi ospiti, mentre per tutto il mese il Convento di San Domenico Maggiore ospiterà per l’occasione una grande mostra di arte contemporanea, organizzata in collaborazione con la Curia Arcivescovile di Napoli, tema Il senso del Sacro. Una sfida all’arte contemporanea.

Festival Spinacorona – dal 20 al 23 settembre Passeggiate Musicali Napoletane, direzione artistica del Maestro Michele Campanella

Itinerari musicali nel cuore di Napoli con la seconda edizione del Festival: 13 luoghi insoliti, 22 concerti da mattina a sera, 121 musicisti alla ri-scoperta dei tesori nascosti della città.

Il Festival Spinacorona seguira’ il fil rouge della musica da camera, con qualche suggestiva digressione in campo sinfonico, lirico, jazzistico e letterario. Straordinari concerti, a ingresso libero, nella cornice di luoghi ricchi di storia e di bellezze artistiche.

Il Festival comincerà giovedì 20 settembre con due appuntamenti: in mattinata, nella Biblioteca Nazionale il prologo a cura della Fondazione Festival Pucciniano e in serata al Teatro Mercadante l’Orchestra della Toscana e il maestro Michele Campanella suoneranno concerti per pianoforte e orchestra n. 1 e n. 3 di Beethoven.

Tra gli artisti protagonisti dell’edizione 2018, il clarinettista Anthony Pay, il mezzosoprano Manuela Custer accompagnata al pianoforte da Massimo Viazzo, Joe Chindamo, pianista di talento, australiano, apprezzato sia come interprete jazz che classico, Ancora l’attore Premio Donatello Renato Carpentieri, voce recitante del concerto di chiusura al Teatro Mercadante, che vedrà protagonista ancora una volta il talento del Maestro Michele Campanella.

L’ospite d’onore di questa seconda edizione sarà il basso Ruggero Raimondi, un omaggio moderato dal giornalista Guido Barbieri.

Della bellezza di Napoli e della sua storia saranno evocatori i luoghi che accoglieranno i 22 concerti: la Biblioteca Nazionale di Napoli Vittorio Emanuele III, la Chiesa dei Santi Severino e Sossio, la Chiesa di Santa Caterina a Formiello, il Cimitero delle Fontanelle, la Biblioteca A. De Marsico di Castel Capuano, il Loggiato della Biblioteca Universitaria e altri suggestivi luoghi. I concerti saranno tutti a ingresso libero fino a esaurimento dei posti.

Settembre al Maschio Angioino, a San Domenico, al PAN e all’Annunziata

Decine di serate di musica e teatro animeranno il cortile del Castello simbolo della città, il Convento di San Domenico (la ‘fabbrica della cultura’) e la magica cornice del Succorpo Vanvitelliano della “Real Casa Santa dell’Annunziata”.

Segnaliamo tra l’altro, nel Cortile del Maschio Angioino, la rassegna di Il Pozzo e il Pendolo, che presenterà testi di grandi autori, da Gabriel Garcia Marquez a Erri de Luca, Maurizio de Giovanni, Francesco Mastriani, Ernest Hemingway.

Ancora Buon Compleanno Bellavista, la serata omaggio a Luciano De Crescenzo per il 90esimo compleanno, serata a cura di Cindy Salatino, con la partecipazione di Annamaria Ackermann, Cosimo Alberti, e Danilo Rovani e Shakespeare & Shakespeare, lspettacolo conclusivo dei tre anni di accademia della Scuola di Teatro Stabile di Napoli diretta da Mariano RigilloAltro appuntamento da non perdere le Canzoni per il Commissario Ricciardi, di e con Maurizio de Giovanni, uno

spettacolo tratto dalle storie minime che da sempre attraversano i romanzi dedicati al Commissario.

Evento speciale poi, a fine mese, domenica 30 settembre, una iniziativa intitolata alla Libertà di espressione nei luoghi di lavoro,con Convegno e spettacolo teatrale e musicale, Al Convegno interverranno il Sindaco, Luigi De Magistris, Guido Viale, Daniela Padoan, Erri De Luca, Valeria Parrella, Francesca Fornario, Annamaria Rivera, Giuseppe Aragno ed altri numerosi ospiti. Seguirà il Concerto, con Lo Stato Sociale, ‘e Zezi, Erri De Luca, Ascanio Celestini e Francesca Fornario. Gli artisti interverranno a titolo gratuito in sostegno della lotta dei 5 operai FCA licenziati

Ancora teatro nel Chiostro e nelle sale di San Domenico Maggiore, con la rassegna dei Morsi di Teatro, e poi con la Compagnia delle Nuvole e gli spettacoli di clown, musica dal vivo, teatro fisico e tanta poesia, ed infine con il “Teatro dei sensi Rosa Pristina ed i suoi spettacoli e laboratori di teatro sensoriale.

Il PAN |Palazzo delle Arti Napoli nella Terrazza/Giardino al primo piano ospiterà dal 5 all’8 settembre gli Incantesimi napoletani, affascinante cammino nell’ispirazione di poeti e musicisti napoletani: ntrecci di poesie e canzoni con moderne interpretazioni dell’espressione poetica e umoristica di autori quali Di Giacomo, Murolo, Viviani, De Filippo.

All‘Annunziata, nel Succorpo Vanvitelliano, infine ancora un programma di spettacoli teatrali, anche ispirati alla storia del monumento e visite guidate teatralizzate.

Premio Pimentel Fonseca

PAN | Palazzo delle Arti Napoli, martediì 18 settembre alle 20.

Dedicato alla memoria storica della nostra città,la IV edizione del Premio Pimentel Fonseca, che fa da prologo al Festival di Giornalismo civile Imbavagliati.

Il premio sarà assegnato ad personaggio femminile distintosi sul piano internazionale nella difesa dei diritti civili. Il Premio è dedicato alla memoria di Donna Lionora, patriota e giacobina napoletana, fondatrice del giornale Monitore Napoletano, giustiziata il 20 agosto del 1799 con altri protagonisti della Repubblica Partenopea. Nelle edizioni precedenti, sono state premiate la giornalista russa Oxana Chelysheva, l’attivista per i diritti del popolo Saharawi Elghalia Djimi e l’attrice e attivista Pilar Bardem.

Festival di Giornalismo civile Imbavagliati: oltre tredicimila presenze, una rassegna stampa con più di 500 testate nazionali e internazionali, il Festival di Giornalismo civile ha dato voce dal 2015 ai coraggiosi giornalisti/testimoni di tutto il mondo che operano in nazioni dove la censura dittatoriale impedisce la libera espressione o dove il contesto sociale li pone in costante pericolo di vita.).

Anche quest’anno il progetto, ideato e diretto dalla giornalista Desiree Klain, è promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e realizzato dall’Associazione Culturale Periferie del Mondo – Periferia immaginaria con il sostegno della Fondazione Polis della Regione Campania per le vittime innocenti della criminalità e i beni confiscati e, in collaborazione, con la Federazione Nazionale della Stampa, l’Ordine Nazionale dei Giornalisti, il Premio Morrione,  il Sindacato Unitario Giornalisti della Campania, l’Ordine dei Giornalisti della Campania, Amnesty International Italia e il Comitato Regionale Campania per l’Unicef Onlus.

Settembre al PoggioArena Cinematografica all’aperto.

Proseguono nel mese di settembre gli appuntamenti estivi al Parco del Poggio. Ricchissimo il programma: da Il Giovane Karl Marx a Io c’è, da Dogman a Ricomincio da tre con musica dal vivo, in occasione di serata evento sabato 8 settembre in ricordo di Pino Daniele

 

Le Quattro Giornate di Napoli

Chiuderanno il mese di settembre le iniziative, che saranno annunciate nel dettaglio nei prossimi giorni, per ricordare insieme il 75esimo anniversario delle Quattro Giornate, con il grande concerto della Banda dei Carabinieri, che sarà ospitato nel Teatro di San Carlo per ricordare, insieme con l’insurrezione e la liberazione della città e il sacrificio di Salvo D’Acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *