Siani ricomincia da quattro

Alessandro Siani, al secolo Alessandro Esposito è nato a Napoli il 17 settembre 1975. Attore, comico, cabarettista, sceneggiatore, regista, scrittore e produttore cinematografico, ha scelto il suo nome d’arte in omaggio a Giancarlo Siani, il giovane giornalista vittima di camorra.

Siani è alla sua quarta esperienza da regista, dopo Il principe abusivo (‘13), Si accettano miracoli (‘15) e Mister Felicità (‘17), con il quale ha superato i 10 milioni di euro al Box Office italiano.

Come aveva già anticipato al Giffoni Film Festival 2018, Alessandro Siani lunedì 8 ottobre ha iniziato al Teatro Politeama di Napoli le riprese del nuovo film, che si chiama Il giorno più bello del mondo, prodotto da Bartleby Film con Vision Distribution in associazione con Buonaluna.

Siani, che è autore del soggetto e della sceneggiatura della commedia insieme con Gianluca Ansanelli, torna sul set dopo il grande successo di Mister Felicità  .

L’attore e regista napoletano, sarà il protagonista insieme con Stefania Spampinato, conosciuta per il suo ruolo di Carina De Luca nella fortunata serie americana Grey’s Anatomy, al debutto assoluto  in un lungometraggio italiano,   Giovanni Esposito, che ha già partecipato a Mister Felicità ed attualmente veste il ruolo di frate Renato nella serie I Bastardi di Pizzofalcone, e i piccoli Sara Ciocca e Leone Riva.

Siani, che già aveva parlando della prossima uscita del film l’aveva definito protagonista di una “Napoli internazionale”

Il giorno più bello del mondo è una commedia fantastica, che travalica i limiti della realtà. Come Siani ebbe a dire in un’intervista: « aprirà a un nuovo mondo, che in qualche modo ammicca al fantasy, molto vicino alle serie-tv. Credo che se ne potrebbe trarre una serie tv».                                                                                                          

La lavorazione durerà 9 settimane e dopo Napoli toccherà altre città:Roma, Cernobbio e Colmar in Francia.

Il giorno più bello del mondo arriverà nelle sale cinematografice nel periodo di Natale 2019.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *