Uno short movie contro il bullismo

Entusiasmo a La Scuola di Cinema di Sant’Anastasia  per Tutto bene, il cortometraggio che ha prodotto in collaborazione con Girando Intorno al Vesuvio, UBS e la Scuola di cinema di Napoli.

Lo short movie, che tratta il tema scottante del bullismo, infatti è stato tra i candidati al Napoli Film Festival – Concorso SchermoNapoli sezione Scuola 5-14 – la famosa rassegna giunta alla diciottesima edizione che dal 26 settembre al 2 ottobre ha assegnato i premi Vesuvio Awards.

Il documentario, della durata di ciurca 14 minuti, è interpretato dai ragazzi dell’Acting Junior di Cristina Buoninfante e realizzato da Egidio Ferrara e Studio24 Moving Photo, ed è stato proiettato insieme ad altri 23 lavori provenienti non solo dalle scuole della Campania, ma anche da enti che lavorano con l’infanzia, proprio lunedì 26 settembre al Metropolitan di Napoli, giorno di apertura della rassegna divenuta nel tempo uno dei più importanti appuntamenti nel panorama culturale e cinematografico campano ed importante vetrina in particolare per il cinema emergente.

Tutto bene, girato interamente nella città di Sant’Anastasia, Napoli, racconta lo spaccato di vita di una ragazzina che trascorre le sue giornate divisa tra le vessazioni dei compagni di scuola ed i silenzi vissuti nell’intimità della famiglia, a causa del carattere freddo e distaccato della propria mamma con la quale la piccola protagonista stenta ad avere un rapporto.

Un corto che mira, indi, non solo a sensibilizzare la platea giovanile sul bullismo, ma anche a favorire un rapporto equilibrato all’interno dei rapporti familiari che deve essere fatto di dialoghi, carezze e confronti.

Palpabile l’entusiasmo dei produttori del documentario che commentano: «Il corto Tutto bene anche se non è stato premiato al Napoli Film Festival ha ricevuto molti complimenti dalla critica in quanto coniuga informazione e chiarezza sia del linguaggio narrativo che del messaggio trasmesso. La trasferta al Cinema Metropolitan di Napoli insieme ai piccoli protagonisti che hanno dato vita al lavoro è stata un’esperienza galvanizzante non solo per noi di La Scuola di Cinema di Sant’Anastasia ma anche per i ragazzi stessi che hanno visto il corto proiettato nel corso di una grande rassegna come il Napoli Film Festival. Ciò ha rafforzando in tutti noi l’idea che fare cinema   rappresenta, oltre che creatività e passione, il tramite per trasmettere al pubblico i valori della vita che vanno difesi e rispettati».

Vincitore del concorso SchermoNapoli sezione Scuola 5-14 anni è stato il corto Il mio mondo di Giovanni Bellotti, che racconta i pensieri e le speranze di tre ragazzi di Ponticelli (Centro Catrin di Napoli).

https://www.youtube.com/watch?v=b8Gz24K9qAo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: