Non solo una mostra

NAPOLI – «Non la chiamate mostra, questo è un vero museo. È un’esposizione per la gloria dell’Italia, per la felicità di Napoli» così Vittorio Sgarbi nel presentare lunedì 5 dicembre l’esposizione i Tesori nascosti. Tino di Camaino, Caravaggio, Gemito, che resterà fino al 28 maggio 2017 nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta appena restaurata.

Oltre 150 i capolavori esposti, tra cui il dipinto di Michelangelo Merisi detto Caravaggio La Maddalena addolorata, provenienti da fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti.

«Una mostra che in realtà è un museocontinua Sgarbil’arte non ha territori, né temi. Per questo abbiamo portato in questa chiesa, che di per sé è già un capolavoro, questa immensità di bellezza davanti alla quale vi sentirete storditi».

Oltre all’assessore alla Cultura e Turismo del comune di Napoli, era presente anche il sottosegretario del MiBACT Antimo Cesaro: «Questa mostra rappresenta il prototipo del modello che vorremmo seguire in  modo da creare una filiera culturale in cui si intrecciano le energie e le potenzialità del pubblico e del privato. Una vera e propria fusione tra mecenatismo e imprenditoria della culturaper mettere in risalto il nostro immenso patrimonio» .

La rassegna d’arte, che ha nel Gruppo Credem il main sponsor, è una prosecuzione della mostra Il Tesoro d’Italia tenutasi all’Expo di Milano nel 2015. Considerato l’enorme successo si è in seguito trasferita nelle aree espositive del MuSa (Museo di Stato di Salò) proponendo il percorso Da Giotto a de Chirico. Infine giunge a Napoli accentuata dalla presenta di autori partenopei.

Così Giorgio Ferrari, presidente del Gruppo Credem: «Abbiamo sostenuto questa mostra, economicamente e fornendo opere della nostra Fondazione, perché l’azione è coerente con il progetto Spazio Credem finalizzato a condividere con gli stakeholder esperienze diverse rispetto a quella bancaria».

«Una possibilità per dare anche lavoro ai giovaniha poi raccontato Gianni Filippini, produttore della mostrasolo con questa iniziativa è stato dato lavoro a venti famiglie. Grazie alla concessione della Arcidiocesi di Napoli abbiamo avuto per la prima volta una chiesa in comodato d’uso. Una bellissima basilica appena restaurata, illuminata grazie ad un progetto di illuminotecnica che sarà installata tra un mese, per tutto il tempo della sua apertura grazie alla Selav».

Il titolo suggerisce il leitmotiv della mostra, ovvero l’intento di “portare alla luce” ciò che normalmente è “nascosto”: opere d’arte che non sono esposte nei musei pubblici ma appartengono a fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati – di conseguenza, difficilmente visibili al grande pubblico. Si tratta dunque di dare spazio al mistero del collezionismo, che secondo Vittorio Sgarbi è «… l’interesse per ciò che non c’è».

La mostra i Tesori nascosti. Tino di Camaino, Caravaggio, Gemito, aperta tutti i giorni della settimana e festivi fino alle 23, si propone di dipingere un quadro della “geografia artistica” italiana, tenendo conto delle sue molteplici tinte e sfumature, ospitando, nella basilica, i capolavori provenienti da diverse scuole e regioni.

All’eterogeneità geografica si associa quella temporale: le opere attraversano un arco ditempo che va dal XIII secolo sino al Novecento, con l’obiettivo di mostrare l’evoluzione artistica di stili e correnti che si dipana tra una testa di maestro federiciano del 1250, sino a un autoritratto di Antonio Ligabue.

Inclusa nel biglietto d’ingresso all’esposizione una App che mette a disposizione i contenuti della mostra, illustrati da una audioguida d’eccezione: Vittorio Sgarbi.

Previste visite guidate e una ricca offerta didattica per le scuole (il programma è scaricabile direttamente dal sito della mostrawww.itesorinascosti.it).

Per maggiori informazioni e prenotazioni: visiteguidate@itesorinascosti.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: