Portici socio sostenitore del FAI

Un passo importante: l’Amministrazione diventa socio sostenitore del FAI per tutelare e salvaguardare il grande patrimonio della Città 

PORTICI | CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI –  Una bella notizia: l’Amministrazione comunale, guidata dal dottor Vincenzo Cuomo, ha effettuato l’iscrizione al FAI | Fondo Ambiente Italiano, diventando così socio sostenitore.

La proposta portata in Giunta dall’assessore Maria Rosaria Cirillo e dal consigliere, nonché presidente della Commissione Cultura Luca Manzo, dopo il parere favorevole dei Commissari, è stata approvata con delibera n. 195 del 17/ 11/2021.

Un passo importante, che dimostra quanto l’Amministrazione porticese abbia a cuore la tutela e la salvaguardia del patrimonio artistico, storico e naturalistico della nostra Città.

Infatti, il consigliere Manzo, di concerto con l’assessore Cirillo, sin dal primo momento ha caldeggiato con entusiasmo la proposta del FAI.

LoSpeakersCorner è stato presente all’incontro dell’assessore Cirillo e del consigliete Manzo con la delegata del FAI Napoli – Gruppo Vesuvio Dida Di Giorgio.

La professoressa Di Giorgio ha dichiarato:  A nome del Gruppo FAIVesuvio e mio personale desidero esprimere tutta la mia soddisfazione per la collaborazione avviata con il Comune di Portici. È un momento significativo per il territorio vesuviano che vede così concretizzarsi l’intento di valorizzazione e tutela dei beni culturali e ambientali che accomuna il FAI e le Istituzioni locali. Grazie soprattutto all’assessora Cirillo e al consigliere Luca Manzo.

Abbiamo quindi rivolto alcune domande al consigliere e all’assessore.

Consigliere Manzo, come è stato deciso di effettuare l’iscrizione al Fai?

Ho sempre guardato con grande interesse al FAI per l’obbiettivo che ha come ente di valorizzare il patrimonio storico e paesaggistico italiano.

L’anno scorso, grazie anche alla opera di sensibilizzazione del comitato promotore, ho aderito all’iniziativa di promozione della nostra Reggia di Portici candidata a Luogo del Cuore FAI  e ho deciso insieme con l’assessore all’Istruzione Maria Rosaria Cirillo espressione in giunta della lista Il Cittadino, che rappresento, di organizzare un video promozionale con gli alunni delle nostre scuole, molto bello, che per messi ha girato sui social network.

Perché è importante questa iniziativa?

Come presidente della IV commissione consiliare, che tra le deleghe ha la Cultura, ho ritenuto opportuno portare all’attenzione dei commissari l’importanza di sostenere come Amministrazione locale il FAI per dare un segnale della volontà che abbiamo di valorizzare i nostri siti storici e di interesse culturalem e di collaborare aderendo al FAI, come altri comuni virtuosi che hanno il nostro stesso obiettivo. I commissari sono stati d’accordo ed hanno espresso parere favorevole in merito.

Quali saranno i prossimi passi?

L’anno scorso siamo stati insigniti dell’importante titolo di Città che Legge dal Cepel e la nostra Reggia è stata qualificata al terzo posto nella graduatoria regionale dei Luoghi del Cuore FAI e tra i primi Cinquanta di quella nazionale. Abbiamo messo in campo tante iniziative di sensibilizzazione e di presa di coscienza del nostro patrimonio materiale ed immateriale, come il progetto “Una Città da Favola”. C’è ancora tanto da fare, ma siamo sulla buona strada. Per il 2022 stiamo programmando altre iniziative con il coinvolgimento delle scuole per caratterizzare la nostra Portici come città fortemente culturale ed in prima linea per la promozione della cultura della lettura e della scrittura per ambire ad altri importanti riconoscimenti.

Abbiamo gioito nell’apprendere che la vicina Procida è stata insignita come capitale della Cultura, un giorno potremmo immaginare che anche Portici venga candidata.

Assessore Cirillo, il FAI tende a coinvolgere gli Istituti scolastici. Quali iniziative prenderà per sostenere questa politica?

Dall’inizio del mio mandato insieme al consigliere Manzo mi sono impegnata per portare nelle scuole progetti che arricchiscono l’offerta formativa ed al contempo stimolino il senso civico e la presa di coscienza del nostro patrimonio.

Da sostenitori del FAI intendiamo continuare a perseguire questi obiettivi nelle nostre progettualità, recependo anche buone pratiche di altri comuni che fanno parte del circuito.

Il patrimonio artistico di Portici e le sue antiche tradizioni: oltre a questa iniziativa, come potranno essere tutelati maggiormente?

La tutela del nostro patrimonio deve necessariamente passare dalla presa di coscienza dei cittadini: la nostra vocazione di Città culturale e turistica può essere trasmessa all’esterno solo se i primi a crederci sono i Porticesi.

Per questo è fondamentale il lavoro che svolgiamo nelle scuole in sinergia con dirigenti ed insegnanti per coinvolgere gli studenti in progettualità che rendano edotte le nuove generazioni sulla storia e le tradizioni della nostra Città.

Gli alunni di oggi saranno i custodi della memoria collettiva di domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: