Ritorna il Pietrarsa Express

A bordo delle mitiche carrozze Centoporte e Corbellini si potrà rivivere l’emozione di viaggiare sul bordo delle mitiche carrozze Centoporte e Corbellini si potrà rivivere l’emozione di viaggiare sul Pietrarsa Express

PORTICI CITTÀ | METROPOLITANA DI NAPOLI – Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa ha annunciato la  ripresa dei viaggi a bordo del Treno Storico Pietrarsa Express. Le escursioni prenderanno il via dalla prossima domenica 13 settembre.

Ripercorrere la prima tratta erroviaria d’Italia sarà un’esperienza unica, che darà la possibilità di arrivare dalla stazione di Napoli Centrale, passando per San Giorguio a Cremano, fino a Portici per visitare il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a bordo di carrozze d’epoca.

Erano gli  anni ’30 quando le mitiche  Centoporte e Corbellini, trainate da una coppia di locomotive elettriche E626, macinavano chilometri sulle rotaie. Ricordate, avevano i sedili in legno e poggiatesta in fintapelle imbottiti, i finestrini erano schermati dalle tipiche tendine damascate. Erano nate come carrozze di terza classe per il traffico pendolare.

A bordo di queste due mitiche carrozze si potrà rivivere questa emozione ogni mese con due appuntamenti. Anche quest’anno, grazie al Pietrarsa Express, i turisti avranno modo di raggiungere il sito museale scegliendo tra le proposte di corse: sia al mattino che al pomeriggio.

Il titolo ti viaggio del Pietrarsa Express, comprensivo della corsa di andata e ritorno, dà diritto all’ingresso gratuito e la visita libera Al Museo nel corso del giorno in cui si effettua il viaggio con il treno storico.

Il costo del biglietto è di 10 euro per gli adulti e 6 euro per i minori. È prevista la gratuità per i bambini fino 4 anni non compiuti accompagnati da almeno un adulto pagante e senza garanzia di posto a sedere.

I biglietti si possono acquistare su www.trenitalia.com, nelle biglietterie/self service Trenitalia e presso le agenzie di viaggio abilitate.

N.B. Il titolo di viaggio del treno storico non è utilizzabile sui treni regionali.

Per maggiori informazioni: www.fondazionefs.it

 FondazioneFSItaliane

FondazioneFSItaliane

FondazioneFSItaliane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: