Eventi

Storie, versi e immagini in una serata indimenticabile

SORRENTO (NAPOLI) – Grazie all’organizzazione di Carlo Alfaro, medico e animatore culturale sorrentino, mercoledi 13 luglio tra i colori della mostra collettiva d’arte contemporanea Artisti in MoviMente, in esposizione dal 26 giugno al 17 luglio nel suggestivo scenario del chiostro del convento Santa Maria delle Grazie, in piazza Sant’Antonino, sono fiorite le parole, con la presentazione del libro “La chiameremo vita”, di Franco De Luca, Tullio Pironti editore, a cura di Maria Grazia Santucci.

Nel corso della serara c’è inoltre stata la partecipazione di alcune tra le voci poetiche più interessanti della Penisola sorrentina.

cover

Il libro. Attraverso riuscitissimi flashback tra passato e presente, la storia di La chiameremo vita si dipana un intreccio di vite e di sentimenti che uniscono personaggi della Napoli odierna e personaggi del passato, abitanti a Roccaspina, nell’entroterra agricolo campano, nell’arco di due generazioni. Due parti e un epilogo, due spazi, due tempi solo apparentemente distanti, due storie in una, o meglio una storia nella storia, incastrate in uno schema complesso in cui il dopo e il prima si intersecano e si inseguono.

Il protagonista, Antonio Sodano, vive la sua vita ordinaria di trentenne nella Napoli contemporanea, tra lavoro, aspirazioni e sentimenti, quando grazie a una zia cui è molto legato entra in possesso di un manoscritto del nonno, che con un salto nel passato riporta nell’epoca del maresciallo Antonio Attanasio e del suo paesino di provincia.

L’autore. Franco De Luca ama visceralmente i luoghi che descrive, tanto che il libro è stato definito una chiara e aperta dichiarazione di amore alla nostra terra, alla sua cultura, le sue tradizioni, i suoi valori, le sue eccellenze.

Tanti i poeti intervenuti alla manifestazione: Cecilia Coppola, Anna Bartiromo, Gianni Terminiello, Salvatore Russo,  Augusto Maresca, Maria Fausto, Domenico Palumbo Rosanna Ferraiuolo, Paola Cetani, Rossella Di Martino, Teresa Iaccarino, Marianna Arcuro letta da Marianna Scarpato, Nino Casola, Silvia Verdoliva e Raffaele Ragone letto da Maria Carmen Matarazzo, presidente dell’Ass. Achille Basile Le Ali della Lettura. Gran finale con l’omaggio a Salvatore Di Giacomo da parte della pittrice Anna Esposito, organizzatrice della fortunata mostra, che ha visto esporre il meglio dell’arte locale, oltre alla Esposito, Maria Cappuro, Nello Carrino, le sorelle Maria Rosella e Paola Cetani, Rosanna Ferraiuolo, Giuseppe detto Pucci Ussano, Raffaele Iaccarino, Antonino Cappiello, Antonino Colicchio, Tonino Esposito detto Tony Wolfe, Giuseppe Rocco e Luigi Gargiulo.  La serata ha avuto il suo momento culminante con la consegna a Carlo Alfaro da parte della professoressa Cecilia Coppola, sua docente alle medie, di una targa al merito dell’associazione da lei presieduta, la Cypraea, per il suo impegno sociale e culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: