CulturaNapoliSocietàteatro

Il Bello e il Buono di Scampia

NAPOLI – Al quartiere Scampia i ragazzi fanno da soli: la compagnia teatrale Gli Sbandati dell’Isis Melissa Bassi – intitolato la studentessa uccisa da una bomba all’istituto Morvillo-Falcone di Brindisi – venerdì 25 maggio, nell’aula magna dell’istituto, presenterà la commedia inedita in due atti Amore a prima s…vista, regia a cura di Alfredo Bruni.

Gli allievi degli indirizzi Musicale, Turistico e Commerciale hanno curato l’allestimento in tutti i suoi aspetti.

Il progetto ha coinvolto oltre 50 allievi: sono loro gli attori, musicisti, cantanti, scenografi, fotografi, operatori video, truccatori, parrucchieri e ufficio stampa. Lo scopo è quello di valorizzare tutte le competenze e le passioni e contribuendo – in un quartiere non sempre “facile” come quello di Scampia – a ridurre la dispersione scolastica e la demotivazione dei ragazzi.

La commedia affronta, con ironia e leggerezza, un tema delicato e attuale come quello della diversità seguendo, però, i canoni della grande tradizione teatrale napoletana…

In sintesi: un’occasione per divertirsi e per riflettere e per dimostrare che Scampia non è solo… “gomorra”.

Anzi, questi ragazzzi dimostrano che la rinascita di Scampia dopo le faide dei clan camorristici è un fatto concreto. Il coraggio dei tanti che abitano quel quartiere di Napoli troppo spesso assurto a pietra di paragone negativo sta cambiando il volto di una periferia difficile.

E tanti che ci mettono il cuore, come il Maestro di Judo Gianni Maddaloni e la sua palestra, Gaetano Di Vaio che ha fondato la casa di produzione cinematografica Figli del Bronx, l’associazione Gridas (Gruppo di Risveglio Dal Sonno), un acronimo che si riferisce «…  alla frase di una delle incisioni della “quinta del sordo” di Francisco Goya: “el sueño de la razon produce monstros”) è un’associazione culturale senza scopo di lucro fondata nel 1981 da Felice Pignataro, Mirella La Magna, Franco Vicario, e altre persone riunite dall’intento comune di mettere le proprie capacità artistiche, culturali, al servizio della gente comune per stimolare un risveglio delle coscienze e una partecipazione attiva alla crescita della società».

Tutti insieme si può!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: