Sport e Inclusione a Napoli Est

Al via il progetto promosso dall’APD Nuova Polisportiva Ponticelli che chiedono spazio per le attività di Sport e Inclusione

CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI – Al quartiere Ponticelli lo sport diventa veicolo di inclusione sociale e strumento di riscatto della zona est.

Prende così vita il progetto Sport e Inclusione a Napoli EST promosso dall’APD Nuova Polisportiva Ponticelli e finanziato da Sport e Salute S.p.A.

L’obiettivo è il coinvolgimento responsabilizzato e attivo dei giovani, in particolare di quelli in condizione di fragilità, e a promuovere ed estendere gratuitamente a tutte le fasce della popolazione del Quartiere le attività sportive comuni e non per una sua rigenerazione sociale e culturale.L’idea base di Sport e Inclusione a Napoli EST è quella di favorire, attraverso la pratica sportiva e le attività ludico-educative, un cambiamento culturale tra i giovani e i soggetti normalmente esclusi dalla vita sociale – quali i diversamente abili – di Ponticelli per stimolare l’affrancamento da modelli di vita basati sull’illegalità, sui comportamenti devianti, diffondendo al contempo delle iniziative radicate sul territorio che mirano alla costruzione di una società più solidale e giusta.

Nello specifico, con questo progetto si vuole contribuire allo sviluppo integrale della persona, puntando sui giovani quali futuri professionisti e membri attivi della società civile, lavorando sulla promozione della cultura del confronto, del dialogo, della multiculturalità e dell’accoglienza.

I corsi che saranno attivi sono:

  • Sitting Volley, ovvero pallavolo paraolimpica praticata da persone con disabilità motoria e non;
  • Attività motoria;
  • Calcio;
  • Pallacanestro;
  • Pallavolo.

Questo progetto coinvolge le fasce sociali più fragili, e dunque “esposte”, nello sport che diviene così uno strumento di dialogo e socialità in grado innanzitutto di restituire un senso di collettività al quartiere – affermano Gerardo Amato e Carmen Terracciano, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’APD – Monitoreremo il comportamento dei giovani circa il rispetto delle regole nei giochi di squadra. Infine, organizzeremo iniziative all’aperto, e attività tipiche dei campi estivi al fine di completare con azioni ludico-creative il percorso sportivo iniziato con il progetto.

In estate, infatti, sarà organizzato un centro estivo dove si svolgeranno diversi laboratori: dalla break dance al teatro passando per l’affiancamento allo studio per i compiti estivi.

Stiamo organizzando una ricca offerta di attività per accontentare tutti: bambini, giovani, diversamente abili… Già nel mese di novembre abbiamo allestito in via Gino Alfani un’area verde destinata ad adulti e bambini, che vengono coinvolti da fiabe e musica – spiegano i dirigenti dell’APD -. Stiamo vivendo un periodo particolare: siamo senza impianto, per cui siamo stati cotretti a giocare le partite di serie C fuori dal quartiere. Inoltre, a causa del rapido propagarsi della nuova variante del Covid-19 purtroppo diverse scuole incontrano difficoltà nel mettere a disposizione le proprie palestre per lo svolgimento delle attività sportive extra scolastiche. Ci sono tanti impianti chiusi, non solo perchè devono essere manutenuti, ma anche per questioni di natura burocratica… Auspichiamo di avere presto a disposizione uno spazio adeguato all’altezza dei tanti progetti che abbiamo promosso e di quelli in fieri e, soprattutto, che consenta ai ragazzi che aspirano alla categoria superiore di poter seguire le partite. Vorremmo che i nostri sforzi non fossero vanificati a causa di questo problema, concludono.

Tra i partner del progetto, oltre all’Assessorato allo Sport del Comune di Napoli, anche i seguenti istituti che metteranno a disposizione gli spazi per la realizzazione delle opportunità offerte:

  • IC 70 Marino Santa Rosa;
  • IC Porchiano Bordiga;
  • IC 49 Toti Borsi Giurleo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: